A Clelia, benvenuta tra noi!

Lo so, è un bello scossone.

Ci siamo passati tutti, compreso il sottoscritto, ma in pochi se lo ricordano direttamente. Anzi, nessuno, credo. Però si sa che la nascita è un trauma, un momento difficile, e bla bla bla. Ma non è che si abbiano molte alternative: ad un certo punto si esce, si deve e lo si fa. Punto. E la vera rumba comincia in quel momento, per chi ti deve crescere e per chi è appena nato/a.

Per cui preparati. La strada è tortuosa e complicata, piena di curve, di salite e discese, di accelerazioni e brusche frenate. E’ appassionante, frustrante, entusiasmante, gioiosa, triste, devastante, inebriante, appagante, deludente, e chi più ne ha, più ne metta.

C’è da dire che tu parti con qualche vantaggio.

Intanto, e la prendo alla lontana, sei nata nel paese più bello del mondo, con buona pace di chi ci vuole male. Non c’è bisogno che spieghi perchè, conosciamo tutti la faccenda del cibo, dell’arte, delle bellezze naturali, eccetera. E’ così, è il migliore, i francesi se ne facciano una ragione. E anche gli inglesi, và.

Tu poi sei ligure. Il pesto, la focaccia, ma soprattutto Fabrizio.

I tuoi li conosco il giusto, a dirla tutta: tua mamma non l’ho mai vista, ma sono certo che ti amerà alla follia, è tua mamma. Tuo papà lo conosco, invece, anche se non così a fondo. So che è un bravo ragazzo (sì, ragazzo, che è giovane, il tipetto), è un ottimo avversario in ameni giochi da tavolo, ed è un po’ matto. Ma tranquilla, lo siamo tutti, un pochino. So che lo è perchè nel tempo libero si diverte a farsi prendere a schiaffi da qualcun altro, e chiamano poi questa attività sport. Non è follia, questa? Ma cucina, e lo fa bene. E’ un vantaggio mica piccolo, credimi.

Il fratellino di papà è matto anche lui. In rete i più lo conoscono con uno pseudonimo e lo apprezzano perchè insegna loro difficilissimi trucchetti calcistici. Fa coppia con tuo papà nelle partite sopra citate, e pare che vincano, anche se io non ci credo.

I tuoi zii emiliani sono grandi, ma tanto. Potrai imparare tante cose da loro, ci saranno sempre per te, ne sono certo, nonostante la distanza.

Insomma, cominci un’avventura splendida, e con te chi ti sta intorno. Non aver paura, che hai più risorse di quante credi, e saprai sfruttarle al momento opportuno. Inciamperai e troverai braccia a sorreggerti. E soprattutto, gioirai.

Benvenuta tra noi e in bocca al lupo per tutto.

11733986784_607309c20b_o Un bel quadretto familiare. Qui c’è anche tuo papà, ma tranquilla, non è quello col coltello.

Annunci

Tre Cime…con l’anello intorno

E’ da qualche anno che cerchiamo di ricavare qualche giorno per passare un po’ di tempo in montagna, a camminare, d’estate. Quest’anno, con la bimba piccola, non se n’è parlato, anche perchè, diciamocelo, non è che fossimo proprio degli atleti irreprensibili. Cioè, non siamo mica quelli che partono alle 7 del mattino, arrivano in rifugio dopo 11 ore di cammino, e il giorno dopo via di nuovo. Magari eh, lo dico con invidia.

No, noi siamo quelli che dicono che partono presto la mattina, ma alla fine sono sul sentiero mai prima delle 9… che prima c’è la colazione a buffet in hotel. E prima ancora si dorme, siamo in vacanza, eccheccaspita.

Comunque mi è tornato alla mente un sentiero che riuscimmo a completare anche noi, e – arrivo a dire – in scioltezza. Il giro delle Tre Cime di Lavaredo.

Siamo in Cadore, provincia di Belluno, Veneto: si parte dal rifugio Auronzo, si gira intorno, incontrando un paio di altri rifugi, si torna all’Auronzo. Le indicazioni parlano di 3,5 ore, noi ce ne abbiamo messe tipo 5. Mangiondo in mezzo, però. E tanto, e bene,

L’ambiente è magnifico, la camminata è adatta a tutti. Ma proprio a tutti, infatti è pienopienopieno di gente, specialmente il primo tratto.

Ma ne vale la pena, assoluta meraviglia. Un assaggio? La foto che segue.

 

tre-cime-bianco-e-nero

monochrome sunset

Le nuvole nascondono il sole durante un tramonto estivo sugli Appennini emiliani. Esce solo un tripudio di raggi di luce, ma nel controsole i colori mal si distinguono. Lontano, lo sferragliare di vecchi trattori e il rombo di automobili che sfrecciano sulla superstrada. Per fortuna, i rumori della (in)civiltà vengono quasi coperti dal frinire delle cicale. Il laghetto riflette la luce del cielo, le sue acque sono immobili. Pare un’enorme specchio.

La quiete avvolge la vallata.

Milano EXPO 2015 – Terzo round

Ancora un po’ di immagini dall’EXPO.

Padiglione Azerbaijan (sì, lo ammetto: ho dovuto aprire Google per esser certo di averlo scritto bene!): Molto notevole, divertente, colorato e interattivo. Si compone di tre sfere trasparenti, dentro cui il visitatore cammina e guarda, tocca, annusa. Molto scenografico. E anche le parti di collegamento meritano, se non altro per le aiuole di fiori hi-tech variopinti che si accendono se sfiorati con le mani. Non ve ne staccherete più!

Padiglione Kazakistan (qui ero un po’ più sicuro, ma ho controllato lo stesso): Bello fino a metà, strepitoso alla fine. Non so se svelarvi perchè… non ve lo svelo.

Padiglione Regno Unito: Esperienza sensoriale in mezzo ad api e uccellini. Detto così, verrebbe da pensare che è una figata. Non è così. E’ un giardino sopraelevato in cui si sentono i rumori che normalmente si sentono al parco. La parte bella è l’alveare metallico in cui si entra.

Padiglione Spagna: bottiglie appese al soffitto, rampe di legno lunghissime, piatti in tutte le pareti su cui proiettano immagini… le solite cose, insomma. Ah, e su un grande schermo il filmato del molleggiato che spreme l’uva ne “Il bisbetico domato”, audio compreso: davvero arduo non fermarsi a (ri)guardare.

Padiglione Italia: da fuori io lo trovo fantastico, ma si sa, de gustibus non est disputandum. Non sono entrato. Perchè? C’era una coda enorme (non facevano entrare in quel momento perchè aspettavano la delegazione del Turkmenistan – ah, questo l’ho controllato altrochè – con premier al seguito) e ancora troppo da vedere. Se ci torno, entro. Ma se ci torno, naturalmente, Murphy vuole che quel giorno ci saranno Obama e il Papa in visita.

Milano EXPO 2015 – Immagini

Ecco qui un’altra serie di immagini, scattate nei padiglioni del Belgio, Vietnam, Thailandia e Cina.

P.s. Le immagini del cantiere dell’EXPO, scattate il 7 Marzo scorso, le trovate invece qui e qui.

Milano EXPO 2015 – Enjoy!

E’ finalmente arrivato il 1° Maggio. E con lui anche l’apertura dell’EXPO 2015, Milano.

Quanto se n’è parlato… ce la fanno. No, non ce la fanno, che figuraccia faremo, noi italiani, come al solito.

Il 3 Maggio, inaspettatamente, ho avuto la possibilità di andare. Non l’avevo programmato, ma mi ci sono ritrovato, invitato da un amico a cui sono grato. E dell’EXPO ho capito che:

1- Chi intende visitarlo si metta l’anima in pace: non è possibile visitarlo tutto in giornata, non c’è verso. Non importa quanta gente c’è, anche se si fosse i soli visitatori della giornata, è troppo grande, troppe cose da vedere, troppi padiglioni ricchi di contenuti.

2- L’Italia non ha fatto alcuna figuraccia. Non perchè sia tutto aperto e funzionante, no, ci sono parti incomplete o semichiuse e si vedono. Ma non se ne sente la mancanza, perchè comunque si ha tanto altro da fare.

3- E’ una figata. Semplicemente. E’ divertente, colmo di spunti interessanti, very very high-tech. Un parco dei divertimenti a tema “cibo”.

4- Andateci. Ne vale la pena. Io ci tornerò.

Un po’ di foto scattate durante la visita. Le pubblicherò a rate, che sono troppe. Mancheranno alcuni padiglioni, vedi punto 1.

Shooting spring!

Le prime giornate veramente primaverili. Sole caldo, luce fino a tardi… la vita esplode.

E allora niente di meglio di una passeggiatina con moglie e cane lungo il fiume, con macchina fotografica al seguito, of course.

C’è anche il tempo di fare qualche lancio di pallina con Selly e giocare con i riflessi di una pozzanghera…

First spring days. Hot sun, evening light… life explodes.

Nothing’s better than a walk with my wife and dog along the river, with dslr, of course.

Also, there’s time to play with Selly and her ball and to joke with water reflections…