Shooting spring!

Le prime giornate veramente primaverili. Sole caldo, luce fino a tardi… la vita esplode.

E allora niente di meglio di una passeggiatina con moglie e cane lungo il fiume, con macchina fotografica al seguito, of course.

C’è anche il tempo di fare qualche lancio di pallina con Selly e giocare con i riflessi di una pozzanghera…

First spring days. Hot sun, evening light… life explodes.

Nothing’s better than a walk with my wife and dog along the river, with dslr, of course.

Also, there’s time to play with Selly and her ball and to joke with water reflections…

Annunci

If you don’t have a dog, you can’t understand this.

Come dicevo qui, avere un cane significa volergli bene come ad uno di famiglia.

C’è un però. Avere un cane significa accudirlo. Sempre. Anche se piove. E se piove tutto il giorno, senza soluzione di continuità, il cane non smette di avere le sue necessità. Ad alcune si sopperisce tranquillamente in casa: ad esempio, giocare. D’inverno, tutti i giorni, io da un lato del corridoio, Barbara dall’altro, in mezzo Selly che rincorre forsennatamente, come fosse l’unica cosa sensata da fare, il “mocio” (la Vileda non me ne voglia, è un osso di corda intrecciata, assomiglia all’aggeggio per pulire per terra).

Per altri bisogni non c’è verso: bisogna uscire. E andare dove c’è erba, che raramente, molto raramente, è un posto coperto. E allora tu, umano, stai sotto l’ombrello, ma lei no, che non le interessano le gocce. E allora poi tocca sottoporle al trattamento dopo-pioggia, che peraltro lei non disdegna affatto.

Ecco alcuni scatti di quei momenti: ah, vita da cani!

As I wrote here, to have a dog means love it as a family member.

But. Have a dog means take care of it. Always. Even if it rains. And if it rains all day long, without stop, the dog has its needs too. You can satisfy some needs at home: for example, playing. During winter, every day, me at the end af the corridor, Barbara at the start of it, in the middle Selly running and chasing the “mocio” (a bone-shaped rope).

But for others needs, no way: you have to go out. And you have to go on the grass, wich rarely is covered. So you, human, use the umbrella, but the dog no, it doesn’t care about drops. And so you to have to give her the after-rain treatment.

Here some shots of that moments: ah, it’s hard to be a dog!

Sicurezza è un morbido cagnetto!

Questa è Selly. Anzi, era. Cioè, è ancora Selly, solo che è cresciuta. E’ il cane di mia moglie, cioè un po’ anche il mio, visto che ovviamente viviamo insieme. E visto che anche a me tocca portarla fuori nelle gelide serate di inverno, magari sotto la pioggia, o ad agosto, sotto il sole cocente, che caldo o freddo i bisogni van fatti. E poi io sono il suo preferito, ma questo mia moglie non lo ammetterà mai.

La foto è del 18 Maggio 2004, il giorno in cui è arrivata. Me lo ricordo bene: mia moglie era la mia morosa, e come di consueto ero da lei a studiare. Era primo pomeriggio. Già da qualche tempo avevo fatto pressing su suo padre, affinché acconsentisse a prendere un altro cane (la prima, l’amatissima Sissi, se ne era andata da qualche anno. Il dolore che causò la sua dipartita convinse il padre a non prendere più animali. Evidentemente, ci ripensò).

Insomma, eravamo lì che studiavamo, in cucina, un giorno come un altro, quando suo padre entrò. Capitava di frequente, lui abitava lì. Stavolta però si piazzò di fronte a noi, come ad attendere qualcosa. Lo guardammo inebetiti, senza capire cosa volesse, con lo sguardo un po’ impaziente che solo due studenti già troppo stressati dagli impenetrabili teoremi di analisi matematica (per me) o dalle procedure penali (per lei) possono avere. Dopo qualche istante di sguardi reciproci, udiamo un flebile scampanare; e vediamo far capolino nella porta, a non più di 12 centimetri da terra, la testa del cosino che vedete sopra. Al collo, un biglietto di auguri, giacchè il 20 maggio è il compleanno di Barbara.

La reazione della studentessa è pacata: come neanche la Cagnotto campionessa europea, si tuffa sul pavimento abbracciando dolcemente (?) il cucciolo (spaventandolo a morte, secondo me, circostanza naturalmente negata dalla neotuffatrice).

Da allora, Selly è la nostra fedele compagna di tutti i giorni: quattro uscite, una immancabile giocata serale (e attenzione, Natale, Capodanno, Ferragosto, Pioggia, Neve, grandine, febbre, varicella o chissà cos’altro, non c’è verso: BISOGNA giocare!), compagnia continua. E se c’è una cosa su cui puoi contare, una sola certezza nella vita, bhè, certamente è il suo affetto, la sua disponibilità a starti vicino.

Di seguito, Selly com’è oggi, durante una sessione di gioco all’aperto. E’ cambiata, lo so, e anche le giocate sono meno intense e più brevi, che dieci anni, per un cane, son mica bruscolini. Ma l’entusiasmo, quello no, non è cambiato.